Politica Sottani

Pd, un voto internazionale: a Potenza in fila anche i migranti

La vocazione terzomondista non manca al Pd lucano. Anche se a questi ragazzi venuti in cerca di un futuro nessuno pensa di insegnare l’italiano o un mestiere affinché l’auspicato futuro possa essere qualcosa di più che una bella parola e ci si accontenta di offrire un tetto (ben pagato agli offerenti), eccoli educatamente in fila per votare il nuovo segretario regionale della Basilicata del Pd.

Stamattina, insieme a centinaia di altri desiderosi e invogliati al desiderio di scegliere il nuovo segretario Democratico (l’immagine dei tanti anziani che a mala pena si reggono in piedi accompagnati generosamente al seggio è talmente orribile che evitiamo di condividerla per rispetto che si deve alla dignità di queste persone!), ci sono anche questi ragazzi che chissà chi avrà informato così puntualmente di questo importante appuntamento.

Intanto tutta l’area di via Zara e via Roma, dove c’è l’unico seggio democrat, è intasata tanto da far pensare a un inavveduto viandante che nella palestra è in corso chissà quale big match e non l’elezione del segretario regionale del Pd.