BasilicataShire In Vetrina

#iocomprolucano?

In questa fase di emergenza, oltre al settore sanitario, essenziali per il paese sono le industrie alimentari. Ci hanno più volte rassicurati sulla regolarità degli approvvigionamenti nei supermercati. Sui social compaiono post di imprese del territorio che si offrono di consegnare a domicilio una piccola spesa tutta lucana.

Ci sono, poi, aziende come quelle del fresco che, invece, subiscono gli effetti dell’emergenza Covid-19 non con un super lavoro bensì con un calo e chiedono allo Stato misure e aiuti per fronteggiare la situazione o convertire velocemente le produzioni. Lo ha evidenziato Marco Saraceno, amministratore delle Fattorie Donna Giulia in un’intervista al TG3 Basilicata del 19/03.

Allora mi sono chiesta: che caratteristiche ha l’industria alimentare lucana? cosa produciamo in Basilicata?

Secondo l’ultimo censimento del 2011, in Basilicata ci sono 793 imprese attive che operano nell’industria alimentare, circa il 26% delle imprese manifatturiere. Il 92% fino a 9 addetti. Il restante 8% ha addetti tra i 10 (10-15 addetti il 5%) e 99 addetti.

 

Essenzialmente in Basilicata si produce pasta, olio, salumi, prodotti lattiero- caseari e soprattutto prodotti da forno. Quest’ultimo settore ha il peso maggiore, il 62,80% del totale delle imprese alimentari. E’ necessario precisare che rientrano in queste categorie anche le piccole panetterie. 416 su 498 imprese totali, infatti,  hanno un numero di addetti fino a 6. Se consideriamo solo le imprese con addetti da 7 in poi, la percentuale di incidenza scende al 10%.

Cosa manca?

Sono solo 10 le imprese che si occupano della lavorazione e conservazione di frutta e ortaggi. Mi viene in mente (per par condicio territoriale) la Italmiko srl di Senise che si occupa della conservazione di funghi e ortaggi oppure la Clematis s.r.l.  di Filiano che produce sughi e condimenti pronti. Non c’è, però, una grande tradizione ad esempio per la conservazione del pomodoro, come pelati e salse. Ad eccezione del pecorino, i formaggi prodotti in Basilicata sono essenzialmente freschi.  La restante produzione alimentare, invece, è decisamente ben rappresentata. Volendo possiamo costruire un ideale carrello della spesa esclusivamente lucano.

Qual è lo stato di salute delle imprese lucane del settore alimentare?

Non ho trovato molto neanche in rete. Allora ho pensato di fare un piccolo esperimento. Ho considerato un piccolissimo campione, con nessuna rilevanza statistica, di 10 imprese lucane dell’industria alimentare (il nostro carrello della spesa) e ho preso in esame alcuni indicatori. I dati si riferiscono al 2016.

Per farci un’idea…