17 novembre

I voti sono spariti, era facile capire cosa sarebbe successo

I lucani hanno visto una politica migliore.

E ieri e oggi lo hanno ricordato all’attuale front office della politica lucana.

A urne appena chiuse – e senza contare le schede bianche e nulle – 47 su 100 hanno girato al largo dai seggi.

I votanti

 

 

 

 

 

 

 

Fiutando fugacemente l’aria lucana, il 3 novembre Basilicata Post.it aveva provato a spiegare le ragioni politiche del “partito del non voto” in particolare in relazione alle vicende del centrosinistra intorno al 2000.

La campagna elettorale appena conclusa è stata pari pari – al netto dello stupidario fatto girare sui social network – uguale a quelle del passato.

E allora proviamo a rispondere a queste domande.

E’ normale che la coalizione che ha governato la Basilicata negli ultimi 20 anni abbia un candidato presidente eletto in primarie caratterizzate da un voto geolocalizzato e con comuni dove le percentuali di votanti alle primarie in rapporto alla popolazione e il relativo voto hanno cifre parabulgare?

E’ normale che contemporaneamente il sindaco di Potenza e il presidente della Provincia di Potenza, entrambi del Pd, concludano anticipatamente il loro mandato per candidarsi al consiglio regionale?

E’ normale che le dimissioni da quegli incarichi siano – se saranno eletti – successive al voto?

E’ normale che il centrodestra – all’opposizione da 20 anni – abbia espresso un candidato presidente con la  convinzione di concorrere alla testimonianza più che alla presidenza?

E’ normale che nessuno dei programmi elettorali tiene in considerazione i poteri reali e le risorse reali della Regione Basilicata?

E’ normale che tutti promettono qualcosa sulle estrazioni del petrolio a prescindere dal fatto che il petrolio è una risorsa dello Stato e che al più i possono formulare auspici?

E’ normale che il massimo del dibattito politico sia sulle estrazioni di petrolio?

E’ normale che per il futuro di questa terra non ci sia stata una sola idea, una sola visione, un accidente che potesse suscitare un qualche entusiasmo?

A tutte queste domande i lucani hanno risposto: non sono andati a votare!