Piazza Prefettura

De Luca, il bel gesto delle dimissioni. Potenza ha diritto di votare

Dario De Luca, sindaco di Potenza, è una persona seria. In molti, e anche noi erranti di BasilicataPost.it, pur tra tante perplessità sulla bislacca compagnia che lo circondava pensavamo che, dopo la fuffa del Decennio, un uomo concreto e senza fronzoli potesse essere la carta giusta per provare a rimettere a posto la città.

E, tuttavia, passato più di un anno dall’insediamento e dell’aria nuova promessa e pure agognata non c’è nemmeno un rifolo. Si susseguono, invece, le scivolate anche boccacesche. Ultima quella dell’assessore desnudo su Youtube.

De Luca galleggia su una sorta di Mar Morto della politica: da un lato c’è il gruppo minoritario che lo ha sostenuto in campagna elettorale (dal quale in più di un’occasione ha dovuto prendere imbarazzato le distanze) fatto da tante buone volontà che tuttavia oltre a produrre slogan e anatemi non si sono trasformate in cultura di governo, dall’altro la contorta maggioranza politica di centrosinistra del consiglio comunale, dominata dal plurifrantumato e vacuo Pd.

Oggi se uno si chiedesse chi sta con De Luca che risposta avrebbe?

E siccome galleggiare non è governare, è bene trarre le conclusioni e riportare i cittadini al centro della città.

De Luca si dimetta e si vada al voto. Nella chiarezza generale e per il bene della città.