Economix

Bar, B&B e ristoranti: le nuove imprese puntano sul turismo

Negli ultimi anni la nascita di nuove imprese in Basilicata si è concentrata in particolari settori. Mode? Tendenze di mercato? Chissà! Quindici anni fa si partì con le palestre, poi fu il momento delle ludoteche, continuando con le pizzerie da asporto, i parrucchieri ed estetiste ed ora bar e ristoranti.

Sarà stato l’effetto della liberalizzazione, ma il numero dei bar e ristoranti in Basilicata è aumentato in maniera evidente. Passeggiando per Potenza, ad esempio, c’è un nuovo bar ad ogni angolo e la decisione di andare al ristorante crea solo l’imbarazzo della scelta.

Il dato è confermato anche da Unioncamere (“L’economia lucana nel I semestre 2013”) che rileva per il primo semestre 2013 una crescita della base imprenditoriale per i servizi di ricettività e ristorazione.

Anche i servizi di piccola ricettività, case vacanze e affittacamere, infatti, sono un fenomeno in crescita. Saranno i contributi pubblici che hanno indotto i piccoli proprietari a ristrutturare casa e a fare passare quest’operazione come nascita di un’attività ricettiva? Forse… in tal caso non resisteranno molto, perché le spese sono troppe e la situazione si chiarirà.

E gli altri? Nel centro storico di Accettura, ad esempio, tre piccoli nuovi imprenditori situati a due passi l’uno dall’altro stanno progettando una rete per rendere possibile l’ospitalità di piccoli gruppi. Accettura, infatti, è nell’area protetta del Parco di Gallipoli Cognato, è vicino al parco avventura di Cirigliano e ha anche una bella festa che attira diversi turisti, la festa del Maggio.

La realtà sorprende sempre e lascia intravedere un mondo migliore. Speriamo che ciò voglia dire che la Basilicata si è avviata per la strada giusta, sta prendendo la direzione dell’attenzione al turista. Una cosa è certa: in Basilicata in tutti i ristoranti si mangia bene, i centri storici sono molto belli e allora perché non incrementare e migliorare l’ospitalità?

Per poter valutare l’effetto di questo boom si dovrà comunque aspettare qualche anno.

Attualmente qualche segno di cedimento lo stanno mostrando soltanto le iniziative collocate nei piccolissimi centri.